About

La prosopopea è  la figura retorica che fa parlare oggetti inanimati come fossero persone ( o, più letteralmente, come se avessero una faccia. ) .

La parola prosopopea, etimologicamente viene dal greco prosopopoia, che a sua volta viene da prosopon, che significa aspetto, ma, in senso lato, anche persona, figura.

Nel linguaggio comune, però, la prosopopea è un sinonimo di sicumera, di arroganza,  saccenza, presunzione,  spocchia, boria, e altre virtù affini.

Essere saccente significa “ostentare una conoscenza superiore a quella posseduta”: crimine che, apparentemente, commetto spesso. Qualsiasi opinione abbiate di me dopo aver letto questo blog è probabilmente molto più lusinghiera di quella che dovreste avere per il suo autore.

Essere saccente può anche significare parlare a sproposito: per quanto io mi impegni al massimo delle mie non del tutto trascurabili abilità, errare humanum est; correzioni, suggerimenti ed insulti vari sono sempre bene accetti, specialmente quando fondati.

É dunque semplice  la raison d’etre di questo blog:  parlare con Prosopopea di Scienza e Filosofia e sapere per  poter dare a te,  avido lettore,  preziose munizioni per essere saccente e prosopopeico quando dovesse essere necessario.

Il fatto che tutto questo faccia molto bene al mio ego è solo un trascurabile effetto collaterale.

Fidati.

  1. E’ da molto che ti leggo con piacere,

    oggi mi ha donato l’ennesimo sorriso e mi sono reso conto di non averti mai ringraziato: grazie!

    Non smettere mai!

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>