Ragù di Scienza 8 – Cose che fanno esplodere il cervello (tranne l’astronomia a raggi X)

Nell’ottavo episodio di Ragù di Scienza Elisa mi fa esplodere il cervello parlando di buchi neri senza singolarità e universo senza big bang, ma dopo che è tutto ben sgocciolato fuori dal naso alla maniera egizia parliamo anche di:

– Venere Pluviale (ma anche no)
– Abbiamo capito tutto della formazione planetaria (ma anche no)
– Abbiamo capito tutto dell’origine della luna (ma anche no)
– Il modello di copernico era meglio del modello di tolomeo (ma anche no)
– Guardiamo più alle cose lontane che alle cose vicine (ma anche no)
– Tecniche, lavori di grosso, lavori di fino, e medley vari di concetti degli episodi precedenti
– L’astronomia a raggi X è obsoleta, specificamente dal giorno in cui Elisa ha cominciato ad occuparsene
– I dati sono come i canditi nel panettone #teampanettoneforevah

Una buona puntata da sentire per cominciare se avete skippato tutte le precedenti e non vi fate spaventare dall’Intro super-weird di Adrian. Anche se quasi niente biocose a sto giro, recupereremo con il doppio la prossima volta.

Potete lasciarci qualsiasi commento/consiglio/recensione/insulto/ricette-per-il-ragù seguendoci sulla pagina Facebook, qui nei commenti o negli altri innumerevoli posti dove ci troviamo. Se ci seguite tramite Itunes, lasciateci una recensione sullo store per gli altri utenti della Mela.

Se volete spargere questo podcast come fosse un raggio gamma altamente energetico che colpisce l’atmosfera e genera una pioggia di particelle, ve ne saremmo molto grati.

Esegui
  1. bravissimi! 😀

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>