La colonizzazione aborigena dell’Australia e il nomadismo sedentario

Una delle questioni più dibattute riguardo la diffusione di Homo sapiens sulla terra riguarda l’Australia: quando e come ci sono arrivati i nostri antenati? Come è stata colonizzata?

Ieri, su Nature, è stato pubblicato uno studio molto interessante che, tramite combinazione di dati archeologici e DNA mitocondriale, ricostruisce proprio questa straordinaria storia dell’uomo.

Okay, prima di tutto, che roba è il DNA mitocondriale? In (quasi) tutte le vostre cellule, oltre al nucleo cellulare con il vostro DNA, ci sono i mitocondri, degli organellini fagiolosi che la cellula usa per “produrre energia”. Questo organello ha il suo genoma personale nel suo DNA personale, che codifica per una manciata dei suoi geni (alcuni sono nel nostro genoma). Siccome il DNA mitocondriale viene passato solo da madre a figlio (perché nello zigote ci sono i mitocondri che c’erano nella cellula uovo, ma lo spermatozoo vomita dentro l’uovo il DNA e quasi null’altro), si può usare il DNA mitocondriale per tracciare le genealogie su archi di tempo enormi.

Un fagioloso mitocondrio al microscopio elettronico. I pallini neri sono oro legato al DNA del mitocondrio. Puccioso! Di Francisco J Iborra1 , Hiroshi Kimura2 and Peter R Cook – The functional organization of mitochondrial genomes in human cells, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=9085139

Ad esempio, si può andare in giro per le comunità aborigene dell’Australia, convincerle a farsi fare un prelievo di sangue, e analizzare quando hanno un antenato in comune, e da quali gruppi sono discesi gli altri. Mettendo insieme questi dati genetici, che dicono che l’ultima antenata femmina da cui discendono tutti gli aborigeni australiani è vissuta circa 47 mila anni fa, e le datazioni dei più antichi reperti archeologici australiani, salta fuori che l’Australia è stata colonizata per la prima volta da un singolo gruppo di persone circa 50 mila anni fa. Che di per sé, è abbastanza figo.

In realtà, è più complicato di un semplice prelievo di sangue. Perché, da bravi stronzi, quando sono arrivati gli europei,  le popolazioni di Aborigeni sono state costrette a trasferirsi, bimbi praticamente rapiti e mischiati tra loro in scuole di stato, e altre cose carine del genere. Gli aborigeni le chiamano “Stolen Generations”, le generazioni rubate. Fortunatamente, grazie al lavoro di gente come Norman Tindale, qui in una foto del 27 con un gruppo di aborigeni, che andava in giro a intervistare per studi antropologiche tribù varie e teneva campioni di capelli di chi intervistava, abbiamo potuto recuperare la distribuzione più o meno originale di chi ha lo stesso mtDNA. Photocredits: Herbert Hale, South Australian Museum Archive Collection

La cosa veramente strana e originale è che dopo che i colonizzatori sono arrivati nel Sahul (quando l’australia e la nuova guinea erano un unico continente) circa 50 mila anni fa, si sono divisi in due gruppi, uno è andato a est, l’altro a ovest, e hanno più o meno colonizzato tutto il continente in 2000 anni. E lì sono rimasti, relativamente isolati per decine di migliaia di anni, come non è mai successo in nessuna parte del mondo.

Sta immagine è abbastanza semplice, vi basti sapere che “ka” sta per “kiloyears”, migliaia di anni, e le lettere rappresentano aplogruppi mitocondriali diversi, cioè gente che ha la stessa mutazione nel DNA mitocondriale e quindi discende da uno stesso antenato. Dal paper

Le culture aborigene australiane sono estremamente diverse tra loro, ricche di linguaggi unici, tradizioni completamente diverse anche in gruppi limitrofi, e in alcuni casi anche caratteristiche fisiche peculiari. Per cui, per decenni, si credeva che l’australia fosse stata colonizzata in più ondate da più popolazioni. Invece, le balle: le popolazioni ancestrali australiane erano composte da “nomadi sedentari”, cioè popolazioni non stanziali, non agricole, che vivevano nomadicamente ma solo in delle regioni geografiche molto ben delimitate e molto ben precise, che hanno tenuto geneticamente separati tutti questi gruppi almeno fino alla colonizzazione europea.

Paper di riferimento:
Aboriginal mitogenomes reveal 50,000 years of regionalism in Australia, Nature (2017) doi:10.1038/nature21416
http://www.nature.com/nature/journal/vaop/ncurrent/full/nature21416.html (paywallato, sorry)

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>